Gorizia 10/2/2016: 11 ANNI DI “GIORNO DEL RICORDO”

DOPO LA CENSURA DELL’EVENTO, SI VEDA ANCHE:
UDINE 19/2/2016,
CHI HA PAURA DI “RESISTENZA STORICA”?


GORIZIA mercoledì 10 febbraio 2016
ATTENZIONE causa repressione di regime
L’INIZIATIVA (anziché a Palazzo Attems) E’ SPOSTATA presso:

Aenigma Bar, VIA NIZZA N. 2, 34170 Gorizia

11 ANNI DI “GIORNO DEL RICORDO”
Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo

Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale
Claudia CERNIGOI: Il “fenomeno” delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945
Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo
Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale
Marco BARONE: “Volemo tornar”. L’irredentismo del terzo millennio
Nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI

Organizzato da Resistenza Storica
in collaborazione con Sinistra Goriziana Antifascista

Gorizia 10/02/16, revocata l'autorizzazione per l'iniziativa

Gorizia 10/02/16, revocata l’autorizzazione per l’iniziativa

evento facebook

 

 

 

This entry was posted in attualità e iniziative, revisionismo e falsificazioni, su di noi and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Gorizia 10/2/2016: 11 ANNI DI “GIORNO DEL RICORDO”

  1. admin says:

    COMUNICATO STAMPA 09/02/2016

    Con un atto d’imperio paragonabile al concetto de “lo Stato sono io” di franco-borboniana reminiscenza, il presidente della provincia di Gorizia (in quota PD) Enrico Gherghetta ha revocato il già concesso uso di una sala provinciale richiesto dal gruppo consiliare di Rifondazione comunista per un convegno storico da tenersi il 10 febbraio in occasione del Giorno del ricordo, convegno che avrebbe visto la presenza di storici qualificati sull’argomento (Marco Puppini, Alessandra Kersevan, Claudia Cernigoi, Sandi Volk, Piero Purini) e dell’avvocato Marco Barone.
    Il veto di Gherghetta, posto per motivi “politici” che non ha peraltro ritenuto opportuno chiarificare, non costituisce solo un gravissimo atto di censura preventiva nei confronti della libera espressione della ricerca intellettuale, ma anche una palese violazione della legge istitutiva del Giorno del ricordo (Legge 92/04) che prevede tra le altre cose l’approfondimento “delle più complesse vicende del confine orientale”, approfondimento che costitutiva il senso del nostro convegno.
    D’altra parte, consideriamo che Comune e Provincia di Gorizia hanno aderito acriticamente alla manifestazione commemorativa del 10 febbraio promossa da Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia e Lega nazionale di Gorizia, il cui manifesto recita (testualmente) “in memoria del dramma dell’esodo dei 350.000 istriani fiumani e dalmati – sottoposti ad una vera e propria pulizia etnica e dell’iniquo Trattato di pace”, avallando quindi non solo le falsità storiche sulle cifre dell’esodo e su una presunta pulizia etnica che non è mai accaduta, ma addirittura definendo “iniquo” il Trattato di pace, legge dello Stato.
    Sono questi i motivi “politici” che hanno portato il più alto rappresentante eletto della Provincia di Gorizia a censurare un convegno storico, abusando del proprio ruolo istituzionale? E se questa è la politica espressa dal “centrosinistra” nella nostra Regione, non comprendiamo a questo punto in cosa tale politica differisca dalle esternazioni di CasaPound e dei nostalgici della Decima Mas (i cui rappresentanti sono stati senza alcuna censura o distinguo accolti nell’aula del Consiglio comunale di Gorizia con tanto di labari sia di questo corpo collaborazionista, macchiatosi di orrendi crimini contro la popolazione civile, sia della stessa RSI, in palese violazione della normativa tuttora vigente contro l’apologia del fascismo).
    Invitiamo coloro che leggeranno questo comunicato condividendone i contenuti ad inviare una mail di protesta al presidente Gherghetta, a questa mail.

    presidente@provincia.gorizia.it

    Ora e sempre Resistenza!

  2. admin says:

    VOLEVAMO FARE UN CONVEGNO, SIAMO COSTRETTI A FARE UN’ASSEMBLEA. QUESTO E’ IL CONCETTO DI DEMOCRAZIA DEI NOSTRI RAPPRESENTANTI (SEDICENTI DI CENTROSINISTRA).
    Considerato che il “prefetto” di Gorizia Gherghetta rappresentante di un partito (anti)democratico ha confermato che non “concede” l’uso della sala per motivi “politici”, ricordiamo che domani 10/2/2016 alle 16 ci si trova al bar Aenigma in via Nizza 2 per valutare questo gravissimo atto di regime e decidere come agire di conseguenza.

    Claudia Cernigoi

  3. admin says:

    Fonte: Marco Barone su
    https://www.facebook.com/events/174126959625037/permalink/176006182770448/

    Giorno del ricordo a ‪#‎Gorizia‬ e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica. Si svolgerà assemblea sulla mancanza di agibilità democratica in città e dove si parlerà in ogni caso del giorno del ricordo alle ore 16.00 il 10 febbraio presso il bar Aenigma di via Nizza 2 in Gorizia. Si invita tutta la cittadinanza a partecipare per denunciare pubblicamente quanto accaduto a Gorizia nel giorno della memoria condivisa di Stato. Segue una nota:

    Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI “GIORNO DEL RICORDO” Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il “fenomeno” delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: “Volemo tornar”. L’irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l’alto patrocinio della Prefettura, Provincia e Comune di Gorizia. Nella locandina, di questo convegno emerge con gran forza quella che ben può essere definita come una grande allucinazione ufologica storica, quale la pulizia etnica contro gli italiani. Quella del giorno del Ricordo è una legge profondamente ideologica. Legge che ha il suo fondamento nel revisionismo storico, nella memoria condivisa, che poi altro non è che la memoria nazionalistica di alcuni “eletti” elevata a rango di verità per tutti, dogma da condividere senza alcuna critica, salvo qualche piccola sfumatura, che deve essere concessa ma che non intaccherà la mistificazione storica, la manipolazione in chiave nazionalistica e revisionistica della storia del confine orientale. Il Presidente della Lega Nazionale di Gorizia, sulla pagina facebook dell’evento pubblico del convegno organizzato da Resistenza Storica così scriveva il 5 febbraio: ” Liberi di organizzare quello che volete ma non manifestazioni provocatorie in una giornata solenne”. E rilanciava il 6 febbraio: “Quando aggiornate la data del vostro evento che non può essere provocatoriamente svolto il 10 febbraio?” La Sala del palazzo Attems per lo svolgimento del convegno era stata richiesta dal consigliere PRC della provincia di Gorizia Dario Furlan, per iscritto, via mail, alla Provincia di Gorizia che attualmente è governata dal Pd. E non era emerso alcun tipo di problema, né politico né tecnico, tanto che la sala, per quello che è stato riferito a Resistenza Storica, risultava essere stata concessa. Ma, subito dopo la pubblicizzazione dell’evento in rete, da parte di Resistenza Storica, arriva una prima notizia di richiesta di spostamento dell’iniziativa. Poi, il giorno 8 febbraio, a ridosso del 10 febbraio giunge notizia informale che per una presunta inopportunità politica la sala non verrà più concessa per il 10 febbraio. A quanto pare a Gorizia il 10 febbraio possono avere agibilità democratica nei palazzi delle nostre Istituzioni, quindi di tutti, solo i cultori della memoria condivisa. Chiamasi regime antidemocratico.Tutti coloro che osano delle critiche avverso il revisionismo storico e la memoria condivisa, in quel giorno, assunto oramai per come strutturato nella sua sostanza a verità nazionalistica di Stato, gli storici, i critici, gli studiosi non allineati, in un contesto perfettamente legale, costituzionale e legittimo, non hanno diritto di parola alcuno. Ed il tutto in una città dove si svolgono manifestazioni di Casapound, i fascisti del terzo millennio, e che le recenti inchieste dell’Espresso hanno ben evidenziato di cosa stiamo parlando, “un arresto ogni tre mesi, una denuncia a settimana”, una città che accoglie nella sua sede istituzionale, quale il Comune, chi fa il saluto fascista, e chi celebra la battaglia di Tarnavova, quale la Decima Mas, che Repubblica, proprio sul caso di Gorizia, ha così definito “flottiglia di torturatori e fucilatori fascisti che in Friuli Venezia Giulia operò anche per il Terzo Reich”. A Gorizia vi è un problema enorme di agibilità democratica, ed è ancora più grave quando l’inopportunità politica, ergo convenienza politico elettorale, di certe e date iniziative, viene sollevata da parte di una certa sinistra governativa. E poi mischiare la convenienza politica con la ricerca storica è una cosa che si commenta da sola per la sua gravità. Insomma il 10 febbraio non tutti hanno il diritto di parlare, salvo, ad esempio, quelli che vanno in alcune scuole d’Italia, a “ricordare per ritornare” con tanto di locandina pubblica, nelle terre ancora oggi contese da una parte del nazionalismo nostrano, come l’Istria.Il 10 febbraio è un giorno ove la democrazia salta, un giorno ove ogni critica viene liquidata nella formula becera e vigliacca di negazionismo o giustificazionismo. Ennesima pagina buia e nera per Gorizia e non solo. Nonostante tutto il 10 febbraio si svolgerà presso il bar Aenigma di via Nizza 2 in Gorizia, alle ore 16, un momento assembleare dove si invita tutta la cittadinanza a partecipare per denunciare pubblicamente quanto accaduto a Gorizia nel giorno della memoria condivisa di Stato. mb

Lascia un commento