INIZIATIVA A SOSTEGNO DELLA KAPPA VU

Il consigliere regionale Roberto Novelli (Friuli Venezia Giulia), già primo firmatario della richiesta di una Commissione d’inchiesta sulle foibe nel 2010 in risposta al libro di Pirjevec sull’argomento (iniziativa caduta nel vuoto), ha annunciato la presentazione di un emendamento alla Finanziaria regionale atto a sopprimere il finanziamento di cui la casa editrice Kappa Vu gode per le attività di diffusione e tutela della lingua friulana:

Al di là della scarsa attinenza della polemica ai fini di un finanziamento destinato per le attività svolte a tutela e diffusione della lingua friulana, le dichiarazioni apparse in questi giorni a mezzo stampa e video si caratterizzano per le prese di posizione preconcette (in un caso si cita Wikipedia!), per la scarsa dimestichezza con le pubblicazioni della Kappa Vu e per l’indebito accostamento con la Shoah. Va infatti detto chiaramente che mettere sullo stesso piano, come ha fatto il consigliere regionale Novelli, lo sterminio nazista (che ha riguardato circa 30 milioni di persone, dei quali 6 milioni di ebrei, attraverso un vero e proprio sistema industriale di eliminazione fisica degli “inadatti” e “pericolosi”) e la resa dei conti alla fine della guerra nella nostra regione rappresenta, questo si, il primo passo verso  il negazionismo, quello vero.

Nè è accettabile il riferimento al negazionismo della Shoah per una casa editrice che ha nel suo catalogo diversi testi sulla storia della comunità ebraica nella nostra regione, nessuno dei quali nemmeno lontanamente riferibile al c.d. negazionismo.

Articolo de Il Piccolo del 29/11/2014

In risposta ad una simile canea venti autori editi dalla Kappa Vu hanno sottoscritto la presente lettera indirizzata a Gianni Torrenti, cui Il Piccolo di Trieste attribuisce le seguenti parole: “L’associazione (la Kappa Vu NDR), che è sempre stata finanziata, nega radicalmente la portata del dramma storico. Dovremmo aprire un dibattito sulla correttezza di assegnare o no fondi a chi porta avanti idee non condivisibili”:

Scarica la lettera aperta all’Assessore Torrenti in formato pdf

Lettera-allassessore-torrenti-dicembre-2014-bis

This entry was posted in revisionismo e falsificazioni, video, attualità e iniziative, foibe. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.